Categorie
Articoli

Eliminare i libri: un tabù da superare

I consigli di Marie Kondo per riordinare i libri, per arrivare ad avere una libreria che contiene solo quelli che amiamo davvero.

I libri sono di solito una delle categorie più difficili da eliminare. Ovviamente, come per le altre categorie di oggetti previste dal metodo Konmari, non devi per forza liberarti delle cose se non sei convinto, ma pensa che gioia sarebbe arrivare ad avere una libreria composta solo da libri che ti piacciono. Inoltre, secondo Marie Kondo avere meno libri a portata di mano può aumentare la tua sensibilità alle informazioni: quelle importanti diventano più facili da riconoscere.

Per riordinare i libri secondo il metodo Konmari puoi procedere così:

  • tira fuori tutti i libri dalla libreria o dagli altri spazi in cui li riponi e disponili sul pavimento. A me non piace molto l’idea di metterli per terra ma l’obiettivo è poterli esaminare da vicino uno per uno, prendendoli in mano, quindi puoi anche appoggiarli da qualche parte tutti insieme, ad esempio su un tavolo grande

  • conserva solo quello che ti inorgoglisce e ti dà piacere avere nella libreria, i libri che ami davvero, quelli che ti trasmettono felicità

Detto così sembra facile! In realtà per molte persone i libri sono intoccabili, li capisco perché anche per me era così. Ora invece penso che ci siano anche libri che è possibile eliminare/donare, ad esempio: quelli che non mi sono piaciuti, quelli che ho letto volentieri ma che non rileggerei, quelli molto legati all’attualità.

In pratica, anche per la categoria libri secondo me vale il buon senso: non tenere per forza tutto solo perché hai sempre fatto così, bensì chiediti se vuoi davvero che quell’oggetto continui a rimanere in casa tua oppure no e nel caso trovagli una nuova sistemazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *